Riccio africano

L’alimentazione del Riccio africano. Cos’è importante sapere?

Nutrire correttamente il riccio africano (Atelerix albiventris), con una dieta quanto più possibile fresca e varia, completa e bilanciata, è fondamentale per la salute e il benessere. 

Ecco alcuni suggerimenti per fornire una dieta equilibrata, che rispetti le necessità etologiche della specie.

Riccio africano, cosa mangia in natura?

Il riccio africano è un piccolo mammifero insettivoro dalle abitudini crepuscolari-notturne, che abita le zone aride e le savane dell’Africa centrale.

I loro fabbisogni nutrizionali non sono ancora del tutto noti, ma quello che sappiamo è che hanno bisogno di un’alimentazione ricca di proteine e povera di grassi.

Nutrizione del riccio africano in cattività

Spesso si consiglia di fornire come base un alimento commerciale, che possa corrispondere anche integrazioni vitaminico-minerali.
Per lungo tempo sono state consigliate crocchette per gatti o furetti, che sono però troppo ricche in grassi.

c
Più saltuariamente si possono aggiungere piccole porzioni di uovo sodo, fiocchi di latte, carne cotta.

Tra i minerali quello da monitorare con più attenzione è il calcio. I ricci africani infatti possono frequentemente andare incontro ad ipocalcemia.

Una possibilità che oggi abbiamo è quella di inserire crocchette per cani a base di farina di insetti, che possiamo integrare con insetti tal quali, come grilli, camole della farina e più raramente del miele, piccole quantità di frutta e verdura. 

Dieta equilibrata, strumento di prevenzione e salute

Una dieta equilibrata è essenziale per mantenere una buona condizione di salute e benessere. L’obiettivo è quello di fornire all’organismo la giusta quantità di nutrienti, vitamine e minerali necessari per un funzionamento ottimale dell’intero organismo. 

È importante evitare l’assunzione di alimenti zuccherati e processati, poiché possono provocare non solo sovrappeso ma anche altri problemi di salute e un aumento nel rischio di incorrere in patologie croniche. 

Senza dimenticare il ruolo dell’acqua fresca, pulita e di buona qualità, che non deve mai mancare.

Articolo della dott.ssa Cinzia Ciarmatori, DVM per Webinar4Vets

cerca

leggi di più

  • inCamilla Marchetti

    Metodi di cottura per la dieta casalinga dei nostri animali

    Iniziare una dieta fresca per il nostro cane o il nostro gatto è sempre un momento emozionante, ma anche pieno di dubbi! Quali sono i metodi di cottura migliori per preparare il loro cibo? Mentre la scelta di una dieta casalinga per cani e gatti diventa sempre più diffusa tra i proprietari di animali domestici,...
  • inDenise Pinotti

    Cereali soffiati per il cane. Si può?

    Spesso chi prepara la dieta casalinga al proprio cane aggiunge cereali soffiati alla ciotola, in particolare il riso soffiato. E’ indubbiamente un ingrediente molto comodo in quanto “pronto all’uso” ma è effettivamente salutare? Approfondiamo in questo articolo dove valuteremo i pro e contro dei cereali soffiati, come sceglierli e utilizzarli. I ce...
  • inMaria Mayer

    I gatti possono mangiare la frutta secca?

    Quanto è buona la frutta secca, ma i gatti la possono mangiare? Oggi rispondiamo a questa domanda, parlando dei vari tipi di frutta secca, dei benefici che può avere il gatto e delle dosi e modalità con cui possiamo offrirla al nostro micio.   La frutta secca è sempre più presente sulle nostre tavole soprattutto in...
  • inMaria Mayer

    Perché i gatti amano le olive ?

    Le olive sono un cibo stranamente attraente per molti gatti. Ricche di grassi e antiossidanti, si potrebbe pensare che sia solo per quello che sono tanto desiderate. In questo articolo scopriamo le reali motivazioni per cui un gatto ama le olive, quali sono i rischi e cosa fare se il gatto mangia troppe olive.   Sinceramente...
TORNA SU